La mitigazione del rischio idraulico con interventi non stutturali

Il caso del sistema di allerta sviluppato nel progetto periferie di Belluno. Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La mitigazione del rischio idraulico che caratterizza un’area può avvenire sia tramite la realizzazione di muri di sponda o arginature, che però ridurrebbero la capacità di laminazione del corso d’acqua, sia tramite la riduzione del danno potenziale.

Nell’ambito del “Progetto periferie di Belluno”, seguendo questa seconda strategia è stato messo a punto un sistema di allerta in tempo reale per la fruizione dell’area a monte della confluenza con il t. Ardo che prevede le seguenti azioni, la predisposizione di un’idonea segnaletica atta a indicare le zone in cui è sempre possibile l’allagamento e l’inibizione dell’accesso al Parco di Lambioi quando il regime idrometrico del fiume Piave raggiunge una soglia di allerta.

Tali obbiettivi saranno ottenuti tramite l’installazione di un sensore di misura del livello idrometrico ad ultrasuoni in corrispondenza della stazione strumentata ARPAV di Ponte della Vittoria della tipologia di quello indicato nella seguente.

Dal momento che l’Ente procede annualmente all’aggiornamento della scala delle portate della sezione, sarà possibile collegare i semafori al sensore.

Questi strumenti sono in grado di restituire il livello idrometrico della sezione di controllo, istante per istante, e possono essere posizionati ad una quota sufficientemente alta da non interferire o essere danneggiati dal materiale trasportato dal corso d’acqua in occasione delle piene eccezionali. Conoscendo la scala delle portate è possibile associare direttamente la portata fluente al livello misurato.

Il sensore sarà interfacciato con dei cartelli con segnali luminosi posti agli accessi pubblici per regolare gli accessi da Via dei Dendrofori e dal sottopasso in progetto che scatteranno al raggiungimento del livello idrometrico a Ponte della Vittoria corrispondente alla portata di 110 m3/s.

Gli accessi saranno presidiati anche da barriere mobili ad azionamento manuale, che potranno essere abbassate dalle autorità preposte per inibire l’accesso all’area pericolosa, anche fisicamente, al superamento della soglia di allerta.

Oltre che le lanterne semaforiche, il sistema invierà messaggi di allerta agli enti competenti al superamento della soglia di sicurezza per ordinare l’abbassamento delle barriere manuale.

 

Sensore di livello
Sensore di livello
segnaletica di avvertimento rischio idraulico
Segnaletica di avvertimento

Contattaci per una consulenza o per maggiori informazioni

Grazie alla nostra consolidata esperienza nella pianificazione, progettazione ed esecuzione di lavori in ambito idrogeologico possiamo aiutare imprese pubbliche, private e professionisti a gestire nel modo migliore tutto ciò che concerne l'acqua.